Ecco un piccolo vademecum per chi ha intenzione di adottare un cucciolo di cane!

Cosa serve?

– ciotola acqua, ciotola pappa (acciaio inox);
– pettorina ad H (alla romana) per la taglia è sufficente misurare la circonferenza del torace;
– guinzaglio lunghezza minima 1,5mt non avvolgibile;
– una cuccia per ogni stanza dove il cucciolo si troverà a stare per lunghi periodi;
– sacchetti per la raccolta delle deiezioni;
– mangime (per i primi giorni proseguire con la dieta fatta fino ad ora in allevamento, successivamente si può optare per una dieta naturale o un mangime di qualità);
– giocattoli di diverse consistenze/colori/forme/dimensioni;
– bocconcini morbidi di piccole dimensioni per premiare il cane;
– snack da masticare (carne/pesce essiccati).

Dritte per iniziare col piede giusto:

– All’arrivo del cucciolo dategli modo di esplorare tutti gli ambienti, siate presenti ma lasciategli i suoi spazi per metabolizzare il cambiamento;
– La notte se lo gradisce mettetelo a dormire in una cuccia accanto al vostro letto, accarezzarlo può aiutarlo ad addormentarsi;
– E’ probabile che il cucciolo non abbia mai sperimentato la solitudine e che gli manchino molto la mamma e i fratelli, per questo non lasciatelo da solo per i primi tempi se non per piccole separazioni (ad esempio andare in bagno chiudendo la porta);
– I cuccioli raggiungono il pieno controllo degli sfinteri verso i 6 mesi, per cui è normale che facciano qualche bisogno in casa. Se dovesse accadere non date alcun peso all’accaduto, non sgridate il cucciolo e pulite lontano dalla sua vista. Bisogna lavorare sulla prevenzione quindi portarlo fuori ogni 2/3 ore o comunque dopo che ha mangiato/dormito/giocato perchè sono quelli i momenti in cui è più probabile che debba liberarsi. L’uscita inizialmente consiste nel portarlo su di un manto erboso in un luogo tranquillo, lasciarlo annusare, lodarlo e offrirgli cibo non appena fa i bisogni. Non riportate il cucciolo in casa non appena ha fatto i bisogni perché potrebbe interpretarlo come una punizione e quindi essere poi inibito a sporcare fuori. Lasciategli tempo di esplorare, giocare e camminare in modo che possa godersi l’uscita;
– Lasciategli a disposizione diversi giocattoli adatti ad essere masticati, i cuccioli adorano giocare con la bocca, le zampe e mordicchiare oggetti. Controllatene periodicamente lo stato di usura per evitare che possa ingerirne dei pezzi.

E se in casa c’è un gatto?

– Cibo/acqua/lettiera/giochi del gatto vanno posizionati lontano dalle risorse del cane, in alto su mobili o mensole in modo che non siano raggiungibili dal cucciolo. Questo è molto importante perché:
1) i gatti sono molto possessivi e territoriali e gradiscono avere il controllo delle risorse
2) i cani vanno ghiotti del mangime e delle feci dei gatti e sono molto abili nel distruggere/ingoiare i loro piccoli giocattoli
3) la fase di studio da parte del gatto nei confronti del cane è fondamentale e gli permette di capire se può accettarlo o meno in famiglia, dandogli la possibilità di rifugiarsi in un luogo alto gli si da modo di scrutare il nuovo arrivato sentendosi sicuro e protetto;
– Mai forzare l’interazione tra gli individui, mai trattenerli tenendoli in braccio, limitarsi ad assicurarsi che ognuno abbia i propri spazi per muoversi tranquillamente in casa. Se il cane dovesse infastidire il gatto distoglierlo attirando la sua attenzione e premiarlo con cibo e giochi quando è tranquillo.

Non dimenticate di iniziare al più presto un percorso educativo, l’ideale sarebbe contattare un professionista ancor prima di prendere il cane, magari per farsi aiutare nella scelta del cucciolo giusto per voi!

No Comment

Comments are closed.