28 novembre 2017

Pellet VS Crocchette: una scelta consapevole

Le crocchette ESTRUSE vengono tipicamente prodotte tramite estrusori con temperature al di sopra di 140°C, distruggendo così la maggior parte dei componenti naturali contenuti (vitamine, minerali etc.) negli ingredienti, anche se questi in origine erano di ottima qualità. Ecco che allora, per avere un alimento completo, bisogna rimpiazzare le vitamine ed i minerali andati perduti con il calore con altri di origine sintetica – “additivi” appunto, che per definizione sono sintetici. Le crocchette estruse inoltre si gonfiano nello stomaco appesantendo l’apparato digestivo e gli altri organi coinvolti nella digestione: hanno tempi di digestione anche fino a 3 volte superiori al tempo di digestione di un alimento naturale.
Naturavetal-CP-Lachs-klPellets-15kg-2Le crocchette pressate a freddo come le nostre vengono invece lavorate a 38° C per mantenere pressoché inalterate le proprietà degli ingredienti originali ed evitare di dover ricorrere ad additivi vitaminici o minerali sintetici. Le integrazioni sono completamente naturali (per esempio, la rosa canina invece della Vit.C, il guscio d’uovo invece del carbonato di calcio) proprio come quelle che prendereste in erboristeria, aggiunte secondo ricette esclusive che garantiscono la completezza dell’alimento e la sua straordinaria biodisponibilità. Tutti i componenti del mangime sono per questo elencati tra gli ingredienti.
Le crocchette pressate a freddo inoltre non si gonfiano nello stomaco ma si sciolgono in pochi minuti. Provate a fare un piccolo test che vale più di molte parole: provate a mettere in 2 bicchieri d’acqua una crocchetta pressata a freddo ed una estrusa di qualsiasi marca, quello che vedrete dopo pochi minuti è che la crocchetta pressata a freddo si scioglierà, quella estrusa si gonfierà e gonfierà senza sciogliersi.

Stando a quello che dice la zoologia, il cane è un animale carnivoro, con un apparato gastro-intestinale corto adatto a digerire proteine e grassi, con denti affilati per strappare e dilaniare la carne, e con una carenza di enzimi adatti a digerire bene gli amidi – hanno infatti la saliva priva di amilasi, l’enzima che avvia la digestione di carboidrati complessi. Cani e gatti si sono quindi evoluti per una alimentazione a base di carne e aminoacidi e presentano delle difficoltà nella digestione di cereali e carboidrati complessi. Dato che la dieta ideale è quella che riproduce fedelmente la natura e replica ciò che cane e gatto troverebbero cacciando allo stato selvatico, è vero che le reali necessità del cane e del gatto non includono i cereali, dato che il loro apparato digerente non è adatto a digerirli così come si trovano. Purtroppo, tradizionalmente e da decenni ormai, i cereali e gli scarti di essi vengono utilizzati negli alimenti per cani per fornire proteine vegetali più economiche di quelle animali; essi fungono quindi da semplice riempitivo. I cereali nelle etichette possono venire separati in diverse diciture, p.e: farina di grano, farina di mais, crusca di grano… ma spesso la loro quantità complessiva è tale che, se sommati, dovrebbero apparire al primo posto come ingrediente principale. Non esattamente quello che un carnivoro si aspetterebbe di trovare nella ciotola…

Ma, opportunamente trattati e in piccole quantità, i cereali o pseudo cereali sono una fonte preziosa di fibre, vitamine specialmente del gruppo B, minerali, ecc. Ecco perché le crocchette Naturavetal non contengono mais e cereali che sono stati inseriti negli alimenti per cani e gatti unicamente per il loro basso costo e facilità di conservazione e di lavorazione, ma piccole quantità cereali o pseudo cereali di altissima qualità, opportunamente trattati con sofisticate e spesso brevettate lavorazioni per essere resi digeribili dal cane e dal gatto. Naturalmente, viene utilizzato solo il chicco sano destinato all’alimentazione umana e non l’intera pianta, usualmente destinata per legge alla produzione dei mangimi.

Coppia di cani giocano sulla spiaggiaRiso, avena mais e miglio sono le fonti di carboidrati ideali per i carnivori, ed in piccole dosi e se dischiusi in maniera corretta possono essere preziose fonti di energia e coadiuvare la digestione.
Il riso Naturavetal per esempio viene soffiato con un processo di cottura brevettato. Tuttavia, la sola lavorazione innovativa non rende sano un alimento per cani, bisogna anche distinguere bene le varie tipologie di riso. C’è il riso grezzo, così come viene raccolto direttamente dal campo che contiene le glumelle. Esso contiene l’8 – 9 % di fibre grezze. Se si rimuove solo la prima glumella si ha il riso bruno. Anche questo riso è racchiuso da un’altra glumella, se viene tolta anche questa glumella si ha il riso bianco. Il riso grezzo utilizzato nell’alimento per cani Naturavetal viene pulito dopo il raccolto e soffiato con aria compressa e calore (con un processo simile a quello della produzione del pop-corn); in questo modo le strutture delle fibre grezze vengono separate fra di loro senza essere distrutte. Grazie ad un unico processo sotto pressione il prodotto viene poi stabilizzato senza l’aggiunta di alcun conservante. Si parla allora di riso integrale, dove le strutture del seme intero vengono preservate con le vitamine e minerali in esse contenute. Nei tradizionali mangimi per animali, dietro la dicitura “riso” si nascondono soltanto frammenti di riso completamente brillato e poco riso soffiato. Il riso brillato contiene una quota decisamente minore di minerali e fibre grezze. Il nostro riso grezzo soffiato con glumella intera contiene delle pregiate fibre grezze di cellulosa, che favoriscono la peristalsi intestinale ed eliminano l’umidità dall’intestino. Ciò consente una digestione con deiezioni solide regolari nonché una salutare pulizia della mucosa intestinale.
Anche nel caso dell’avena si tratta di fibre grezze; essa viene pulita e decorticata, poiché i suoi strati più esterni sarebbero troppo duri da digerire per il tratto intestinale dell’animale. Dopo una cottura a vapore brevettata, i semi di avena diventano molto simili ai fiocchi e sono pertanto molto facili da digerire.
Il mais utilizzato da Naturavetal è privo di OGM, ma contiene vitamina B e minerali molto utili al cuore e ai nervi e che apportano energia. Anche il nostro mais viene soffiato con aria compressa e pertanto vengono ampiamente mantenute le sue proteine.
Il grano saraceno, che non è una Polygonaceae, è privo di glutine ma particolarmente ricco di sostanze nutritive e aminoacidi essenziali. Può aiutare a mantenere la funzionalità epatica ed è coinvolto nella regolazione dei livelli di zucchero nel sangue ed il colesterolo.
Il miglio bruno è una delle piante più antiche; possiede una glumetta dura e già nel passato veniva considerato un alimento pregiato ricco di micronutrienti. Grazie alla sua pigmentazione scura, il miglio bruno è particolarmente resistente all’umidità; vengono impiegate da Naturavetal solo determinate qualità selezionate. Durante la lavorazione viene rimossa esclusivamente la glumetta più esterna che non è digeribile per l’animale. In tal modo non solo si conserva la fibra grezza, importante per una sana attività dell’intestino del vostro animale, ma vengono apportati anche minerali, vitamine, microelementi e soprattutto il prezioso silicio.

Scritto da: Natura Vetal

Filed under:ApprofondimentiNews
Author: